Coronavirus e il settore immobiliare: il crollo globale o un forte impulso al cambiamento?

L’economia e il mercato sono lontani dall’essere un punto di riferimento per coerenza e stabilità. Certamente gli alti e bassi c’erano anche prima, ma fino a ora ogni sfida in un modo o nell’altro è stata risolta. Questa volta ci troviamo di fronte a qualcosa che ci sta davvero facendo riconsiderare la nostra routine quotidiana e, a volte, anche rivedere le nostre scelte di vita.

Il coronavirus ha già apportato modifiche nella vita di ognuno di noi, che si tratti di un cliente o di un venditore. Se in passato gli specialisti di marketing dovevano raggiungere il cliente fisico, ora ogni potenziale acquirente è letteralmente fuori portata, rinchiuso in casa.

All’improvviso, la maggior parte delle aziende si è rivelata impossibilitata a interagire fisicamente con le persone. I clienti stessi non si aspettavano che un giorno avrebbero dovuto rinunciare alla loro routine.

Dopo essersi ripresi dal primo shock gli imprenditori hanno dovuto pensare a un urgente piano di salvataggio. In primo luogo si sono chiesti: cosa dobbiamo fare adesso, e poi, quali sarebbero i passi successivi se la crisi persistesse.

Le persone sono passate completamente da offline a online più per prendersi cura della loro salute e non perché lo volevano o ne avevano davvero bisogno. Anche se la maggior parte degli acquisti avviene via Internet stando seduti comodamente sul proprio divano, ciò assolutamente non significa che i clienti vogliono veder limitata la vita alle quattro mura della loro abitazione.

Acquistare una casa o un appartamento in questi giorni potrebbe sembrare una pessima idea ma le analisi del mercato in realtà dimostrano il contrario. Il numero di visualizzazioni e ricerche di alloggi è aumentato, il che potrebbe significare che la gente adesso ha più tempo libero per sfogliare le offerte. I tour di realtà virtuale sono diventati inaspettatamente il contenuto più richiesto.

Coronavirus In The Sphere Of Real Estate 5 4 1024x814

Un appartamento o una casa non si acquista d’impulso e magari l’acquisto stesso non avverrà adesso, ma è durante il lockdown che si effettuano le ricerche e la scelta dell’immobile visto che ora anche il cliente più meticoloso ha il tempo sufficiente per esaminare a fondo tutte le offerte.

Il mercato immobiliare ha trovato il suo modo per rispondere a questa esigenza. Se fino a poco tempo fa la visualizzazione 3D e i Tour Virtuali erano visti come un buon strumento di supporto del settore, ora sono diventati la principale forza trainante.

Anche le società immobiliari con un approccio più tradizionale cominciano attivamente a queste innovative tecnologie di presentazione. Non essendoci ora la possibilità di visitare fisicamente le proprietà neanche quelli già costruiti la realizzazione dei tour fotorealistici tridimensionali 3D VR e percorribili virtualmente sicuramente dà alle strategie di marketing una marcia in più se non diventa una vero e proprio salvavita per il settore immobiliare.

La scelta del cliente fatta durante questa reclusione involontaria determinerà senza dubbio le sue ulteriori azioni. E qui il compito delle agenzie immobiliari sarà quello di dimostrare tutti i vantaggi del potenziale acquisto e guadagnarsi la fedeltà del cliente.

Quindi, sarebbe sicuramente precoce parlare della caduta o del collasso del settore immobiliare a causa della pandemia. Probabilmente questa è la situazione che può diventare un catalizzatore per le idee nuove e l’implementazione di modi alternativi di interazione con il cliente. Ecco perché è ora che permettiate al mondo virtuale di entrare nelle vostre vite anche stando a casa. Soprattutto stando a casa.

Your Package

    ×
    Dein Paket

      ×
      Il tuo Pacchetto

        ×
        Votre Choix

          ×
          اختيارك

            ×